Cibo Barf per cani di tutte le razze
Dimostrazioni di Volo    Oggi la Falconeria non è più prerogativa di una determinata classe sociale. L’unica cosa richiesta è il rispetto dell’animale ed una accurata conoscenza dell
Nazione Italy
Regione Toscana
Distanza: 4,996 Kilometri

Dimostrazioni di Volo   
Oggi la Falconeria non è più prerogativa di una determinata classe sociale. L’unica cosa richiesta è il rispetto dell’animale ed una accurata conoscenza delle sue esigenze nonché una profonda passione . L’essenza dell’addestramento in falconeria risiede nell’avvicinamento tra uomo e rapace per cui si basa su fiducia ed amicizia. Nulla viene insegnato all’animale che non sarebbe già in grado di fare in natura; è necessario fare in modo di essere per lui  più interessanti di ciò che lo circonda e questo lo si ottiene con l’aiuto di strumenti che simulano delle prede reali.
Solo l’abilità dei falconieri e l’amicizia tra loro e i rapaci può trattenere questi imprevedibili volatori dall’andare via. Un filo invisibile pare esista, che lega falconi e falconieri. Il filo invisibile può spezzarsi in qualsiasi momento, basta una mossa sbagliata, un rumore strano, un colpo di vento forte e l’incantesimo svanisce. Questi animali sono e rimangono selvatici, pronti a scappare al minimo segno di pericolo. Lo straordinario di quest’arte è appunto riuscire a dialogare con degli uccelli che sono emblematicamente tra i più selvatici e liberi del pianeta.
Da diverso tempo la Nostra Associazione è invitata a partecipare a varie rievocazioni medievali, dove per l’occasione facciamo esibire in volo libero i miei amici alati che diventano così i protagonisti di fantastiche evoluzioni aeree con con simulazioni di caccia . Di particolare spettacolarità sono le discese in picchiata verticale dei Falconi che volano al richiamo del logoro. Una cosa che ci  teniamo  a sottolineare come gruppo storico  é  il fatto che siamo una delle pochissime associazioni ad avere delle linee guida come rievocatori storici di falconeria e sicuramente facciamo parte dei gruppi storici e non di quei falconieri in calzamaglia chiamati per l’occasione a far divertire il pubblico con caroselli che tante volte di storico non hanno nulla.

La nostra associazione presenta i suoi spettacoli di Falconeria nelle più importanti feste di rievocazione storica di tutta Italia, facendo esibire  falconi, poiane e gufi, tutti addestrati perfettamente.

Bird Control

L’utilizzo di falchi addestrati per il controllo territoriale di colombi, storni ed altri volatili, è ormai pratica diffusa da lungo tempo.
I falchi possono essere utilizzati non solo in aeroporti, ma anche in aree agricole, urbane ed industriali.
Molti animali selvatici, tra cui alcune specie di uccelli, trovano riparo e cibo in aree urbane, alcuni di questi animali possono essere veicolo di contagio per malattie trasmissibili anche all’uomo. Il colombo, nonostante non sia definito specie selvatica, è al primo posto per quanto riguarda il potenziale pericolo di contagio. Oltre 60 patologie pericolose per l’uomo possono essere veicolate da questo uccello.
L’intervento prevede di:

1. Individuare l’area oggetto di maggior concentrazione di uccelli (dormitori, zone di approvvigionamento di cibo, nidi, ecc).

2. Far volare uno o più falchi (in funzione della dimensione dell’area) contemporaneamente per spaventare gli uccelli.

E’ importante sottolineare il fatto che i falchi utilizzati per questi interventi non predano. Essendo soggetti nati in cattività, fin da giovani sono addestrati a ricevere il cibo solamente dal falconiere, di conseguenza non sentono lo stimolo alla predazione. L’effetto deterrente provocato dalla vista del predatore e dal suo volo è sufficiente ad indurre gli altri volatili ad abbandonare l’area.
L’effetto e’ immediato ma si consigliano almeno cinque interventi anche non consecutivi per per rendere più efficace l’azione. Il falco di Harris (Parabuteo unicintus), rapace originario dei deserti nord americani, è quello che si presta di più a interventi in aree ristrette come, capannoni industriali,aree urbane ad accessibilità ristretta ecc.
La sua caratteristica è un’alta adattabilità ad estreme condizioni ambientali.

La nostra associazione, inoltre, si avvale della tecnologia “DRONE” dove l’intervento può risultare diffcile anche per i rapaci. Il “DRONE”  infatti ha la  caratteristica di  essere manovrato in spazi molto ristretti e non praticabili dall’uomo , ed  essere utilizzato sia per sopralluoghi sia come deterrente contro gli uccelli nocivi.

Il Parco dei Falchi  e i suoi Abitanti

S’inizia il percorso nel mondo dei rapaci facendoli conoscere da vicino tramite il falconiere. La preparazione al contatto diretto con i rapaci avviene attraverso l’illustrazione delle      caratteristiche morfologiche, degli areali, della biologia e dell’etologia di ciascuna specie. Una parte dell’attività sarà dedicata in particolare a brevi lezioni sulla conservazione dei rapaci. Il linguaggio utilizzato sarà adeguato ad ogni fascia di età dei partecipanti in collaborazione con i loro docenti. La continua presenza dei rapaci tenuti sul guanto e fatti avvicinare in tutta sicurezza contribuiranno a mantenere vivi interesse ed attenzione. Successivamente i visitatori potranno assistere alle evoluzioni in volo libero sotto il controllo del falconiere e sempre in massima sicurezza . Contemporaneamente sarà illustrata la specie che è in quel momento in volo, le varie fasi del volo e le reazioni dei rapaci alle sollecitazioni dell’istruttore. I percorsi sono studiati per scolaresche dalla scuola dell’infanzia fino alle scuole medie.
Le attività didattiche si svolgono nell’arco di una mezza giornata e sono mirati alla conoscenza dell’ambiente naturale attraverso la presentazione delle componenti naturalistiche e paesaggistiche che il parco contiene. Il Parco della Torretta consente di far riconoscere le piante del patrimonio forestale toscano e nel contempo quelle specie che hanno concorso alla formazione dei giardini storici della città. All’interno del parco è stato appositamente approntato un percorso didattico ambientale ecosostenibile (cioè realizzato con materiali totalmente riciclabili) la cui funzione è quella di stimolare i 4 sensi per investigare e apprendere le nozioni basi per orientarsi e riconoscere un parco ancor prima che un bosco.

Il Giardino Botanico della Città-Giardino di Montecatini Terme

Le origini >>> Le tre sorgenti (Giulia, Rinfresco, Torretta) furono edificate dopo il 1829 dal Conte Baldino Baldini, assecondando il desiderio illusorio di un Castello con “aiuole olezzanti di fiori e un folto bosco ”(Biagi, 1902): bosco, descritto da Savi e Fedeli (1870) come …assai esteso e frondoso, tutto percorso da intralciati viali, al quale è annesso un laghetto, ed un circo (il parco della Torretta si collega alla ricca stagione neogotica in Toscana, e presenta molte assonanze al Giardino
Torrigiani di Firenze). Seguono cronologicamente gli interventi di Ezio Giovanazzi e Giulio Bernardini ma che sostanzialmente non hanno alterato il carattere di giardino pittoresco dove la componente botanica
è frutto della ricerca di ACCLIMATARE nella città specie    esotiche accanto a quelle del luogo.
Per questo motivo il parco della Torretta, oggi promosso con la dicitura del Parco dei Falchi, è il giardino botanico della città di Montecatini Terme perché qui vegetano numerose di quelle specie oggi abituali
lungo le vie e nei giardini della città.

Dettagli Scheda


I Tuoi Rapaci Falconi, Poiane, Gufi
Nazione Italy
Regione Toscana
Distanza: 4,996 Kilometri
Indirizzo torretta - montecatini terme, Montecatini Terme, PT
Categoria , , , ,
Keywords - Parole chiave    

Contatta il Falconiere Completa i campi sottostanti per contattare il falconiere


Opinioni e Recensioni sulle Crocchette per Cani